Supporto
Versione test gratis per 21 giorni Login

Il peso è un fattore importante in ogni sport.
Ma mangiamo, perché siamo affamati?


Dr. med . Bernhard Rinderknecht *

Mi sorpresi pensando di acquistare un set di bulloni in titanio per la mia bici da corsa. Salvavi 5 grammi - ne doveva valere la pena! Quando il gradiente di salita raggiunge la doppia cifra, malediciamo ogni grammo che aiuta il nostro nemico, la fisica, con la gravità che rende la nostra vita più dura. È quasi una terapia meditativa immaginare di ordinare quel bel pacchetto, aprirlo e sostituire in serata in officina i bulloni in acciaio.

Ciò che è meno terapeutico, è la domanda, se dovrei mangiare un pezzo di torta prima di andare a letto. Sono certo di essere affamato - o è solo una fantasia? O sono semplicemente stanco dopo un duro allenamento o stress sul lavoro? In ogni caso, una disputa interna è in corso, tutta basata sulle sensazioni. Queste sensazioni sono molteplici: Il piacevole pensiero del primo morso sullo strato di glassa si scontra con la domanda se ho veramente fame? Sarò più contenuto dopo aver mangiato la torta, o meglio se non la mangio? Tutti conoscono queste sensazioni - soprattutto gli atleti, perché il peso del vostro strumento sportivo, il vostro corpo, è importante.

Beh, alla fine non ho comprato i bulloni in titanio, ma questo forse perché per me 5 grammi non sono così rilevanti. Dal 2003 al 2006, ho perso 50kg di peso corporeo. Cioè 10.000 x 5 grammi. E sulla strada dai 133kg colosso, agli 83kg ironman , e anche in seguito, quando sono riuscito a mantenere il peso stabile, ho guadagnato così tanta conoscenza, comprensione ed esperienza, che, sebbene un risparmio di 5 grammi sulla mia bici da corsa sono utili, so che ci sono cose più importanti per la mia battaglia contro il sovrappeso. Una di queste questioni centrali sono le tante ragioni per mangiare! Se chiedo ai miei studenti sportivi di nominare la ragione più importante per mangiare, ricevo regolarmente la risposta "fame". Però è giusto questo? Quindi chiedo loro: "Quando è stata l'ultima volta che avete avuto fame?" Non intendo una lieve fitta superficiale, ma una forte e fastidiosa tensione da fame. Questo forse potrebbe essere il momento di guardare te stesso più da vicino e di chiederti quelle che sono le tue ragioni per mangiare.

Quindi, quali pensieri e sensazioni stanno giocando insieme qui? Abitudine, opportunità, noia, stanchezza, rabbia, euforia? Osservare se stessi per un'intera giornata, controllando il perché si sta mangiando, può aiutare molto. Qualcuno che ha fatto una carriera su questo è lo psicologo nutrizionale Dr. Brian Wansink. Nel suo affascinante libro "Mindless Eating" potete scoprire cose intriganti e leggere come ci lasciamo tentare dal cibo. Un libro più o meno opposto è quello della Dr.ssa Jan Chozen Bays "Mindful eating". Ella ci conduce passo dopo passo come medico e maestro Zen attraverso esercizi per una più attenta alimentazione.

Quindi, buon divertimento con la vostra osservazione e conoscenza di voi stessi e con la lettura!



* Il Dr. med. Bernhard Rinderknecht sa di cosa sta parlando.
Il Dr. Rinderknecht è un medico, specialista in ginecologia e assistenza al parto, oltre che specialista in patologia e citologia ginecologica. Egli inoltre dirige un laboratorio medico diagnostico e fornisce consulenza in materia di fitness (ceofit.com). Egli è anche docente esterno presso l'istituto per la scienza dello sport all'Università di Basilea (ISSW) con accento sulla regolazione del peso nello sport e l'influenza degli ormoni sulla riduzione di peso nelle donne. Bernhard ha portato a termine due ironman (Nizza e Zurigo) e come parte di un esperimento su se stesso, è migliorato passando dall'essere un pesante sacco di patate da 133kg, fino a diventare un ironman e ciclista di 83kg. Egli è un membro del nostro team di esperti e può essere contattato tramite il link.


//loading page time info for admin